Note Biografiche

Pippo Altomare

Vive in Sicilia (Sperlinga) dove è nato a Nicosia l’8 aprile 1958.

Ha frequentato l’Istituto Statale d’Arte e l’Accademia di Belle Arti di Catania.

Nel 1987 si trasferisce a Roma, dove per 10 anni lavorerà come segretario ed artista nella Galleria d’Arte dei Banchi Nuovi, in quel luogo ha modo di conoscere e frequentare i più importanti artisti italiani e stranieri condividendo con loro esperienze di lavoro che gli danno modo di progredire nell’ambito delle conoscenze e delle tradizioni pittorico-plastiche legate alla creatività. Fra i tanti intreccia un buon rapporto di comunicazione proprio con Giulio Turcato, Carla Accardi, Pietro Consagra, Uncini, Achille Pace, Elio Marchegiani, Michele Cossyro, Salvatore Emblema, e molti altri.

Nella sua attività sperimentale ha attraversato con risultati di grandi interesse la scultura e le perfomance art, ma il terreno che privilegia è quello della pittura. Qui fa pulsare la superficie di elementi formali (molte volte legati al mondo della natura, spesso a quello della fantasia). Che emergono da una profondità per affermarsi all’interno della tela o della carta come autentiche presenze. E’ presente dal 1984 in svariate occasioni espositive, personali e collettive in Italia e all’estero (Austria, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Giordania, Inghilterra, Libano, Polonia, Olanda, Repubblica Ceca, Romania, Siria, Slovenia, Turchia, Ungheria, Canada. USA, ecc.).

Sono diversi i musei, le raccolte pubbliche e luoghi d’interesse che ospitano in permanenza le sue opere: Galleria Civica di Termoli (Campobasso); Museo Comunale di Praia a Mare (Cosenza); Museo della Grafica di Rogaska Slatina (Slovenia); Museo d’Arte Contemporanea della Valcellina, Claut (Pordenone); Collezione d’Arte Contemporanea, Rocca di Umbertide (Perugia); Museo della Città, Vantaa (Finlandia); Villa Comunale, Vitorchiano (Viterbo); Stalinuv Monument, Praga (Rep. Ceca); Idraetspark, Bjerringbro (Danimarca); Castello di Lendava; Castello di Ljubljana; Castello Strmol, Rogatec; Medana Art Collection (Slovenia); Galerie der Stadt, Villach (Austria); Gèbart, Zalaegerszeg e XXII District Council, Budapest (Ungheria); Ministero della Cultura, Sofia (Bulgaria); Country Club, Chiasiellis di Mortegliano (Udine); Barchessa Piccola Burovich, Sesto al Reghena (Pordenone); Comune di Roccadaspide (Salerno); Collection Salon Europa, Schwerin (Germania); Discoteca Meccanò, Firenze; Villa al Poggiolo, Perugia; Agriturismo Benedetti, Spello (Perugia); Marte-Museo delle Arti e del Territorio, San Pietro a Maida (Catanzaro); MUG Museo Ugo Guidi, Forte dei Marmi (Lucca); MAAM Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz_città meticcia, Roma; DIF Museo diffuso Formello (Roma); Villa Turrita, Dragoni (Caserta); Valamar Riviera S.p.A., Poreč (Croazia); Rotary Club di Atessa (Chieti); ecc..

Inoltre, diverse opere sono state utilizzate nella pubblicità televisiva: “Mito, la bevanda per i giovani”.

Ha realizzato le copertine di saggi (Enzo Santese, “il vino specchio per l’uomo”, Edizioni Andrea Moro, Tolmezzo – UD - 1999), romanzi –assieme a Filippo Altomare- (Francesco Paolo Pinello, “io sono una libellula…”, Bastogi Editrice Italiana, Foggia - 2009) e altre pubblicazioni. Inoltre ha collaborato per la creazione di multipli e oggetti d’arte con: Telecampione S.p.A.,  Arte y Naturaleza, Madrid e Progetti Italiani, Londra. Ha insegnato nelle Accademie di Belle Arti di Carrara, Firenze, Lecce, Roma, Sassari e dal 2013  è docente di decorazione  all’Accademia di Belle Arti di Catania.

Sul suo lavoro hanno scritto fra gli altri:

Paolo Giansiracusa, Lorenzo Mango, Mariano Apa, Enzo Santese, Patrizia Ferri, Teresa Macrì, Ada Lombardi, Sabine Brhel, Ludovico Pratesi, Sandra Orienti, Massimo Bignardi, Antonio Gasbarrini, Arnaldo Romani Brizzi, Emanuela Boille, Enrico Crispolti, Susanna Misiano, Giorgio Di Genova, Flavia Ruggeri, Ivana D’Agostino, Achille Pace, Franz Kröger, Beatrix Nobis, Gabriella De Marco, Anamarija Stibilj, Judita Krivec Dragan, Cristiana Perrella, Emilia Valenza, Katri Pulkkinen, Toto Cacciato, Mario Falessi, Maria D’Alesio, Nelida Nemec, Laura Caccia, Giuliana De Fazio, Akio Takemoto, Lisadora Valenza, Gianfranco Labrosciano, Nino Arrigo, Claudia Elisa Altomare, Tommaso Ariemma, Manuela Vannozzi e Carlo Andreoli.

 

 

 

Pippo Altomare

Pippo Altomare lives in Sperlinga in Sicily, the island on which he was born (in Nicosia) on 8th April 1958. Following his studies at the Istituto Statale d’Arte (fine arts high school) and the Academy of Fine Arts in Catania, in 1987 he moved to Rome, where he worked at the Galleria d’Arte Banchi Nuovi. Here he met and frequented the most important artists of the period (Giulio Turcato, Carla Accardi, Pietro Consagra, Uncini, Achille Pace, Elio Marchegiani, Michele Cossyro, Salvatore Emblema and many others), collectors, gallery owners, critics and curators, sharing with them experiences that increased his knowledge and awareness of the traditions and creative possibilities of both painting and sculpture. His own career has included rewarding phases of experimentation in the fields of sculpture and performance art, but his first love remains painting. The surfaces of his paintings pulse with forms (many times taken from the natural world but just as often from that of the imagination) which emerge from the depths to make themselves felt as very real “presences” at the heart of his works on canvas or paper.

Since 1984 he has exhibited in one-man and group shows in Italy and worldwide (Austria, Bulgaria, Canada, Croatia, Denmark, England, Estonia, Finland, Germany, Holland, Hungary, Jordan, Lebanon, Poland, Rumania, Czech Republic, Syria, Slovenia, Spain, Turkey and the U.S.A.).

His works are to be found in the permanent collections of many museums, public collections and public spaces including: Galleria Civica di Termoli (Campobasso); Museo Comunale di Praia a Mare (Cosenza); Rogaska Slatina Graphic Art Museum (Slovenia); Museo d’Arte Contemporanea della Valcellina, Claut (Pordenone); Collezione d’Arte Contemporanea, Rocca di Umbertide (Perugia); Vantaa City Museum (Finlandia); Villa Comunale, Vitorchiano (Viterbo); Stalinuv Monument, Prague (Czech Republic); Idraetspark, Bjerringbro (Denmark); Lendava Castle; Ljubljana Castle; Strmol Castle, Rogatec; Medana Art Collection (Slovenia); Galerie der Stadt, Villach (Austria); Gèbart, Zalaegerszeg and XXII District Council, Budapest (Hungary); Ministry of Culture, Sofia (Bulgaria); Country Club, Chiasiellis di Mortegliano (Udine); Barchessa Piccola Burovich, Sesto al Reghena (Pordenone); Comune di Roccadaspide (Salerno); Collection Salon Europa, Schwerin (Germany); Discoteca Meccanò, Florence; Villa al Poggiolo, Perugia; Agriturismo Benedetti, Spello (Perugia); Marte-Museo delle Arti e del Territorio, San Pietro a Maida (Catanzaro); MUG Museo Ugo Guidi, Forte dei Marmi (Lucca); MAAM Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz_città meticcia, Rome; DIF Museo diffuso Formello (Rome); Villa Turrita, Dragoni (Caserta); Valamar Riviera S.p.A., Poreč (Croatia); Rotary Club di Atessa (Chieti); Paradore's Art Collection (Spain).

His work has also featured in the television advertisement for “Mito, la bevanda per i giovani”. He has designed book covers for essays (Enzo Santese, “Il vino specchio per l’uomo”, Edizioni Andrea Moro, Tolmezzo, Italy - 1999), novels – together with Filippo Altomare - Francesco Paolo Pinello, “Io sono una libellula…”, Bastogi Editrice Italiana, Foggia, Italy - 2009) and other publications, and he has also designed and/or produced multiples and objets d’art for Telecampione S.p.A. in Italy,  Arte y Naturaleza in Madrid and Progetti Italiani in the UK. He has taught at the Academy of Fine Arts in Carrara, Florence, Lecce, Rome and Sassari and, since 2013, the Academy of Fine Arts in Catania where he teaches Decorative Arts.

Those who have written about his work include:

Paolo Giansiracusa, Lorenzo Mango, Mariano Apa, Enzo Santese, Patrizia Ferri, Teresa Macrì, Ada Lombardi, Sabine Brhel, Ludovico Pratesi, Sandra Orienti, Massimo Bignardi, Antonio Gasbarrini, Arnaldo Romani Brizzi, Emanuela Boille, Enrico Crispolti, Susanna Misiano, Giorgio Di Genova, Flavia Ruggeri, Ivana D’Agostino, Achille Pace, Franz Kröger, Beatrix Nobis, Gabriella De Marco, Anamarija Stibilj, Judita Krivec Dragan, Cristiana Perrella, Emilia Valenza, Katri Pulkkinen, Toto Cacciato, Mario Falessi, Maria D’Alesio, Nelida Nemec, Laura Caccia, Giuliana De Fazio, Akio Takemoto, Lisadora Valenza, Gianfranco Labrosciano, Nino Arrigo, Claudia Elisa Altomare, Tommaso Ariemma, Manuela Vannozzi and Carlo Andreoli.